cos'è dieta anticellulite

Dieta anticellulite, cos’è e menù

Cos’è la cellulite

La cellulite è un fastidioso inestetismo, noto anche come “pelle a buccia d’arancia” che concerne il tessuto adiposo sottocutaneo. Molto spesso tale condizione si verifica in zone specifiche del corpo come i fianchi, i glutei o le cosce. È solitamente un problema femminile ma in qualche caso può interessare anche l’uomo.

La spiegazione medica

La cellulite si forma a seguito di un’alterazione del circolo sanguigno capillare che non riesce più a bagnare i pannicoli adiposi. La conseguenza è che le cellule di adipe si spezzano ed effondono il loro contenuto in spazi detti interstiziali. La circolazione diviene quindi difficoltosa e ciò favorisce la ritenzione idrica, la vera e propria responsabile dell’aspetto a buccia d’arancia della pelle.

Le cause

I fattori che determinano la cellulite sono plurimi e tutti contribuiscono con una certa rilevanza alla sua più o meno evidente comparsa. È necessario quindi lavorare su più fronti per contrastarla con successo. Inoltre qualsiasi provvedimento si decida di prendere i risultati non saranno visibili in meno di 3 settimane/un mese. Tra le cause principali troviamo:

  • vita sedentaria
  • alimentazione sbilanciata o ricca di sostanze predisponenti

Ma contribuiscono anche:

  • alterazioni ormonali
  •  uso di abiti molto stretti ed attillati
  •  il fumo

Fondamentale è inoltre la tendenza dell’individuo a sviluppare l’inestetismo.

Come contrastare la cellulite?

Sia che si voglia prevenirne la comparsa o che si cerchi di ridimensionarne la presenza la soluzione è quella di agire sulle cause primarie e quindi seguire una dieta anti cellulite, sempre accompagnata da attività fisica e da uno stile di vita attivo.

LEGGI QUI PER SCOPRIRE ALTRI METODI ANTICELLULITE

La dieta anticellulite se eseguita correttamente per almeno un mese dovrebbe ripristinare il corretto apporto energetico riportando il fisico ad un sano indice di massa corporea e ad un giusto peso fisiologico.

Stile di vita

Attività fisica

menù dieta anticelluliteSebbene i vari impegni lavorativi e/o scolastici ci impongano di stare diverse ore seduti nella stessa posizione rimane fondamentale l’esigenza del corpo di attività motoria, a maggior ragione se si sta seguendo una dieta anticellulite.

Le sessioni consigliate sono di 60 minuti, ripetute tra le 2 e le 4 volte alla settimana. Inutile sottolineare che altrettanto importante è la costanza nell’allenarsi.

Le attività consigliate sono in prevalenza sport acquatici come acquagym, acquabike, acqua step, acqua running e così via, ma anche passeggiate veloci, ginnastica aerobica o anaerobica.

Massaggi ed ultrasuoni

Attività fisica e dieta possono (nei casi più gravi dovrebbero) essere abbinati a massaggi drenanti, ultrasuoni e ancora bagni caldo-freddo.

La dieta anticellulite

Il picco glicemico

Arrivando alla vera e propria dieta, cioè al regime alimentare, l’aspetto di base fondamentale e da tenere sempre presente è che bisogna mantenere il più basso possibile il picco glicemico, cioè è necessario conservare un apporto minimo di glicemia nel sangue a seguito dei pasti. Per far sì che ciò accada si devono preferire frutta e verdura e limitare il consumo di carboidrati, proteine e lipidi. Si badi bene che non è assolutamente necessario eliminarli dalla dieta, bensì tali alimenti vanno semplicemente ridotti nelle quantità.

-L’acqua

Bere circa 2 litri d’acqua al giorno aiuta le cellule a rigenerarsi e contemporaneamente favorisce la circolazione.

-Le tisane

Esistono tisane molto efficaci per combattere non solo la cellulite ma anche il gonfiore.

Le più efficaci sono:

  •  tisana alla betulla e finocchio, dall’effetto drenante
  • tisana alla vite rossa, protegge i capillari e stabilizza il collagene e l’elastina
  • tisana all’equiseto, dall’effetto drenante e rimineralizzante
  •  tisana alle ciliegie, detossinante e diuretica
  • tisana al tarassaco, erba sgonfiante per eccellenza, drenante e purificante
  • tisana ai frutti rossi, depurativa, diuretica e tonificante
  •  tisana al tè verde, gustosa e diuretica

-I sali minerali

Apportare non solo la giusta quantità d’acqua, ma anche i sali minerali all’organismo favorisce la scomparsa della cellulite. Tra i più opportuni il potassio e il magnesio, poiché facilitano il mantenimento del pH sanguigno.

Da evitare invece il cloruro di sodio, ossia il sale da cucina, poiché favorisce la ritenzione idrica.

-Altre sostanze da evitare

Oltre al sale, anche gli zuccheri aggiunti, la caffeina e l’alcol etilico.

-Cibi da privilegiare

– Tutti i frutti che contengono vitamina A,C,E che tonificano il tessuto ed hanno un alto valore alcalinizzante. Il modo migliore sarebbe quello di introdurli nell’organismo attraverso centrifugati, più drenanti e rigeneranti.
– Il mirtillo, che aiuta il microcircolo e la circolazione, rafforza i capillari e le vene
– Carciofi, finocchi, indivia, cicoria, melone, cetrioli, anguria, pesche, fragole ed ananas in particolare sono dei toccasana poiché favoriscono la diuresi
– I kiwi, che eliminano il gonfiore, proteggono i capillari e le vene
– Verdure come le melanzane, ricche d’acqua, oppure le carote crude che stimolano la circolazione e contengono il betacarotene, che rende la pelle levigata
– Gli spinaci, ricchi di calcio, magnesio, fosforo e potassio
– Il sedano, ricco di vitamina C

La cottura ideale delle verdure è quella al vapore o alla griglia, evitando l’uso di sale o spezie.

Esempio di dieta anticellulite

-Colazione

Come sempre il pasto più importante della giornata.
Per una colazione adeguata si consiglia un bicchiere di latte scremato (150-200 ml) con fiocchi d’avena (30g)
Oppure
Yogurt magro con muesli

Spuntino di metà mattinata

Un frutto (200-300g)
oppure
una tisana

-Pranzo

Pasta integrale (80g) al pomodoro
oppure
Risotto (70g) con carciofi
oppure
Minestrone

-Merenda

Uno yogurt magro
oppure
una tisana

-Cena

Pesce: Branzino o spigola (200g) accompagnati da melanzane o finocchi
oppure
Carne: Roastbeef (100g) accompagnato da pane di segale (50g)
oppure
Zuppa di verdure

Si ricorda al lettore che questo articolo non può in alcun modo sostituire una dieta prescritta individualmente da un professionista come un nutrizionista o un dietologo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *