accelerare metabolismo

I consigli per accelerare il metabolismo e dimagrire

Il metabolismo è un processo molto importante per il dimagrimento di una persona.

Conoscerne il funzionamento è necessario per capire come riattivarlo e iniziare a perdere peso e a dimagrire. Per alcuni motivi, infatti, il metabolismo può rallentare a causa di diversi fattori.

Per poterlo velocizzare bisogna eliminare le cattive abitudini e iniziare a mangiare determinati cibi che aiutano il corpo a velocizzare il processo. Ecco dunque i consigli per accelerare il metabolismo e dimagrire.

Che cosa è il metabolismo?

Il metabolismo è un processo fondamentale per il nostro corpo. Se analizziamo il termine in maniera scientifica, capiamo che questo è un insieme di processi biochimici che avviene all’interno del nostro corpo per il mantenimento e la costruzione delle cellule.

Si divide in catabolismo e anabolismo: il primo processo è quello di degradazione, mentre il secondo è quello relativo alla sintesi e alla costruzione. In poche parole il metabolismo serve per poter vivere, visto che il cibo assunto serve proprio per far sì che questi processi siano sempre attivi.

È molto importante tenerlo sempre attivo, visto che ha un peso specifico notevole all’interno della dieta e del dimagrimento.

Infatti un metabolismo attivo permette di avere dei processi più veloci, che aumenteranno anche i cicli di anabolisi e catalisi.

A causa di alcuni atteggiamenti sbagliati o alla ridotta attività fisica, il metabolismo cambia durante gli anni ed è il principale motivo per cui accumuliamo peso: ecco perché bisogna accelerare questo processo per poter dimagrire e perdere peso.

Differenza tra metabolismo e metabolismo basale

Come abbiamo visto, il metabolismo è l’insieme dei processi che determina la costruzione e la scissione del nostro tessuto cellulare.

La quantità di energia in termini calorici che serve per il nostro metabolismo varia in base a moltissimi fattori. In primis quello relativo ai dati anagrafici visto che il metabolismo cambia in base all’età e al sesso.

Poi ci sono i fattori relativi al movimento e all’attività fisica: l’apporto calorico è maggiore se l’attività aumenta o se il lavoro che svolgiamo non è affatto sedentario.

Esiste anche un particolare metabolismo, quello basale, che non dipende da questi fattori ma specifica un altro fabbisogno calorico.

Questo tipo di metabolismo ha bisogno di meno calorie ed è quello necessario per completare tutte le funzioni vitali, in poche parole quello per farci rimanere in vita.

Se scendiamo con le calorie sotto il dato del metabolismo basale, rischiamo di compromettere il funzionamento di moltissime attività. Proprio per questo non si deve mai effettuare un taglio netto sulle calorie ma gestirle tramite il consiglio di un esperto.

I cibi che attivano il metabolismo

Ci sono dei cibi che riescono ad attivare il metabolismo e che aiutano la velocità dei processi. Uno dei principali attivatori è il tè verde, ma questo alimento permette di aumentarlo solo in maniera temporanea.

Anche la caffeina e il caffè aiutano ad accelerare in modo sostanziale le attività, ma acquisite in quantità maggiori a quelle consigliate rischiano di interferire sul sistema nervoso e creare comunque dei problemi.

Non esistono cibi che permettono di attivare in maniera permanente il metabolismo e ogni alimento deve essere assunto con coscienza.

Per questo motivo non bisogna mai affidarsi alle diete fai da te: un esperto saprà indicarci in modo preciso quali saranno le calorie da assumere in base ad un metodo scientifico e non tramite una nostra sensazione.

Questo è importantissimo per non compromettere in maniera irreparabile il metabolismo e accusare successivamente problemi di natura psicofisica.

Il metabolismo e la tiroide

Una ghiandola fondamentale per il metabolismo è proprio la tiroide. Chi ha problemi o malfunzionamenti dovuti alla tiroide, avrà di conseguenza complicazioni con il metabolismo.

Infatti questa ghiandola determina in modo decisivo la velocità e il funzionamento del metabolismo, andando a scandire il funzionamento e i processi da attuare.

Proprio per questo motivo un malfunzionamento potrebbe portare a tantissime conseguenze anche sull’aumento o sulla diminuzione del peso.

In alcuni casi si va a stimolare la tiroide con dei farmaci per perdere peso: in un primo momento le conseguente saranno davvero positive, con perdita di peso e tanti benefici. Ma se la tiroide inizierà ad essere gestita interamente dal farmaco sintetico, ci sarà un’assuefazione.

Dal momento che si smetterà di stimolare la tiroide, quest’ultima perderà il normale funzionamento e ci sarà un peggioramento e un conseguente accumulo di peso.

Questa ghiandola è fondamentale per poter evitare qualsiasi problema e in caso di malfunzionamento è bene rivolgersi a degli esperti del settore per capire come procedere.
Ogni rimedio naturale deve essere evitato, altrimenti i danni possono essere permanenti.

I consigli per far ripartire il metabolismo e dimagrire

Per poter far ripartire il metabolismo ed evitare ulteriori problemi ci sono dei consigli che possono essere seguiti.

Uno su tutti è quello di migliorare l’attività fisica: anche un’ora al giorno di camminata può essere molto importante per riattivare al meglio il metabolismo.

Un altro consiglio è quello di mangiare cibi sani, evitando grassi insaturi: merendine, dolciumi o cibi difficili da digerire aumentano i tempi della digestione.

Proprio per questo è bene evitare determinati cibi e preferirne altri. Il regime alimentare è molto importante, al pari dell’attività fisica.

Proprio per questo motivo non bisogna in nessun modo lasciare da parte l’alimentazione e il cibo. Ogni aspetto permette di avere un metabolismo più veloce, in grado di poter facilitare il processo di dimagrimento.

Per ogni dubbio è bene affidarsi ad un esperto del settore: il valore del metabolismo è personale e in nessun modo una dieta fai da te può essere ideale per un organismo.

Gli errori da evitare

Ci sono molti piccoli errori che rischiano di compromettere il metabolismo. Uno su tutti è sicuramente l’utilizzo di una dieta non variegata.

Il regime alimentare è molto importante e sovraccaricare l’organismo con determinate sostanze e non averne altre rischia di compromettere il funzionamento.

Anche le diete fai da te possono essere un problema, proprio per questo non si consiglia mai di calare l’apporto calorico in maniera sostanziale.

Togliere troppe calorie vuol dire perdere troppa massa magra: in un primo periodo il calo sarà drastico e il peso ne beneficerà, ma successivamente ci sarà un rallentamento drastico del metabolismo.

Questo errore è sicuramente uno di quelli da evitare in tutti i modi.

Anche le piccole abitudini possono fare la differenza: fare le scale anziché prendere l’ascensore o arrivare alla fermata dell’autobus a piedi sono dei piccoli gesti quotidiani che sul lungo termine possono pesare in maniera positiva.

La sedentarietà potrebbe essere nociva per qualsiasi atteggiamento e questo ricade inevitabilmente sul metabolismo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *