efficacia garcinia cambogia

Garcinia Cambogia per dimagrire: pro e contro

Cos’è la Garcinia Cambogia?

La Garcinia Cambogia, o anche detta Garcinia gummi-gutta, è una pianta appartenente alla famiglia delle Clusiaceae originaria della Garcinia (regione dell’Indonesia).

Pubblicizzata dal Dr. Oz nel suo programma statunitense dedicato alla medicina, è divenuta popolare verso la fine del 2012 in vari paesi del mondo grazie ai suoi attributi salutari e alla sensazione di sazietà per periodi lunghi, dopo averla ingerita.

Lo stesso Dr. Oz ha dichiarato che questa è

“un importante passo avanti nella perdita di peso naturale”.

La Garcinia Cambogia è candidata a divenire uno dei migliori prodotti sul mercato tra gli integratori per la riduzione del peso corporeo.

Fitologia

La Garcinia è un albero di medie dimensioni, i cui frutti (chiamati generalmente tamarindi) sono simili a piccole zucche di colore giallo pallido o verdi contenenti semi. Essi presentano un diametro mediamente di 1,5 cm.

La pianta è un sempreverde di forma circolare dalle foglie allungate e di colore verde scuro. I fiori si dividono in maschili (fascicolati) e femminili (solitari); la fioritura avviene orientativamente nei mesi che intercorrono tra Novembre e Aprile.

Dal frutto viene prelevata la buccia utile per realizzare l’integratore. Le regioni dove la pianta cresce spontaneamente appartengono principalmente all’Indonesia e l’India meridionale, ovvero regioni dal clima tropicale che favoriscono la crescita di quest’ultima.

Struttura chimica

Il principale componente è una sostanza molto rara in natura: l’acido-idrossicitrico (comunemente chiamato HCA, presente per il 50% sull’endicarpo del frutto),il quale contiene Vitamina C e antiossidanti.

L’acido-idrossicitrico è di primaria importanza perché capace di fermare la sintesi del substrato energetico per la sintesi del colesterolo e dei lipidi, ovvero l’acetil-coenzima A. Così trasforma i polisaccaridi in eccesso in energia utile per il nostro corpo e non in tessuto adiposo (contenente la maggior quantità di grasso).

Inoltre sono presenti ulteriori sostante quali: flavonoidi, carotenoidi, pectine, calcio, carboidrati e mucillagini.

Impiego clinico

La Garcinia Cambogia viene utilizzata come coadiuvante in caso di sovrappeso o obesità, per i pazienti che soffrono di ipertrigliceridemia e ipercolesterolemia, in quanto stimola la sintesi del glicogeno, riduce la biosintesi endogena dei lipidi e favorisce l’incremento dell’utilizzazione dei grassi.

Proprietà benefiche

Oltre a stimolare il dimagrimento, che aiuta a tornare in forma, vi sono ulteriori azioni benefiche della Garcinia Cambogia:

• aiuta la digestione: l’apparato digerente è sollecitato a perdere peso in maniera naturale;
•incremento di calcio e livello sano di serotonina;
• migliora l’umore: non comporta una dieta stressante, diventa molto più semplice rinunciare al cibo grazie alla sua azione antifame duratura che sconfigge i momenti di fame eccessiva e nervosa;
• la presenza di Vitamina C ha un ottimo beneficio anche per la gola, il sistema urinario e la tonicità del cuore;
• proprietà depurativa: grazie all’alto contenuto di fibre;
• antiinfiammatorio: riduzione dei dolori muscolari e articolari.
• protettore gastrico: il garcinol (componente dell’integratore) diminuisce l’acidità di stomaco;
• combattere l’invecchiamento: utilizzato anche nei trattamenti anticellulite e nei cosmetici idratanti, grazie alla presenza di antiossidanti nella buccia del frutto.

Effetti collaterali

Sono stati effettuati studi tossicologici sulla pianta dai quali si è evinto che non vi è alcuna tossicità sull’epicarpo (buccia) del frutto. Dunque lo stesso frutto e la sintesi che ne deriva sono privi di rischio.

Tuttavia, vi sono casi in cui l’integratore non può essere assunto, come ad esempio nel caso in cui si soffre di diabete o si è sotto cure farmacologiche per prevenirlo, in quanto il frutto provoca la riduzione del glicogeno nel sangue e interferisce con i trattamenti per diabetici.

Inoltre è assolutamente sconsigliato assumerlo in periodi quali la gravidanza, l’allattamento e durante l’età dello sviluppo (sconsigliato l’utilizzo al di sotto dei 14 anni).

Bisogna porre attenzione all’incremento di sintesi cerebrale di acetilcolina che la Garcinia provoca: è controindicato utilizzarla in caso di malattie degenerative di Alzheimer e demenza.

È inoltre importante tener conto delle proprie allergie specifiche e della presenza di ipersensibilità.

Per giunta è fortemente sconsigliato l’utilizzo della Garcinia Cambogia in concomitanza con altri integratori, così detti dimagranti, nello specifico termogenici, dal momento che i singoli effetti collaterali si andrebbero ad accavallare provocando danni all’apparato gastrointestinale e al sistema nervoso.

La presenza di una leggera quantità di caffeina non causa problemi al sonno e alle normali funzioni dell’organismo.

Garcinia Cambogia e tiroide: veri nemici?

Essendo la tiroide uno dei principali responsabili dell’accumulo e perdita di peso è necessario conoscere gli effetti dell’integratore su quest’ultima.

Come dimostrato la Garcinia non va a influire sulla diretta perdita di peso bensì sulla diminuzione dell’appetito, dunque non interferisce con la tiroide.

Consigli d’uso

L’integratore naturale deve essere assunto mezz’ora prima dei pasti a stomaco vuoto per due volte al giorno, in modo tale che agisca completamente e faccia godere di ogni suo aspetto benefico.

Ad ogni modo un sovra-dosaggio non è conveniente, anzi potrebbe risultare dannoso per l’organismo, poiché non prevede un incremento dei benefici.

È consigliato condurre comunque una sana attività fisica, alla quale deve essere unita l’assunzione di almeno due litri di acqua al giorno.

Il rispetto di una dieta equilibrata aiuta a massimizzare l’effetto della Garcinia.
Potrebbe avere maggior effetto se durante il trattamento verranno assunti the verde, zenzero e ginseng.

Non è assolutamente necessaria una prescrizione medica per l’utilizzo del prodotto, per il fatto che non è un farmaco per curare o prevenire malattie.

In qualsiasi caso, consultare uno specialista prima dell’assunzione del prodotto in presenza di eventuali allergie particolari, intolleranze alimentari o malattie citate nel paragrafo sugli effetti collaterali.

Risultati ottimali ?

I risultati compiuti su diversi campioni della popolazione uniti alle ricerche scientifiche, condotte sulla pianta e in particolare sul frutto stesso, assicurano l’efficienza del prodotto per la perdita di peso.
Dai campioni è stato riscontrato che dai primissimi giorni di trattamento vi è una notevole perdita di appetito, un’ energia maggiore e un ritrovato benessere fisico. Per giunta dopo due settimane è già possibile notare una riduzione della massa corporea.
Bisogna prestare molta attenzione, soprattutto per gli integratori, alla percentuale di HCA contenuta nelle capsule. Infatti essa deve essere almeno del 50%, poiché non vi è assoluta certezza del funzionamento della stessa con una percentuale inferiore, in quanto questo potrebbe derivare dalla presenza di agenti chimici e non essere più un prodotto naturale al 100%.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *